Apple

Apple Tv, scopriamo le opzioni

Lo scorso 9 Settembre Apple ha rilasciato la quarta versione dell’Apple TV, il dispositivo che punta a trasformare il proprio salotto in un centro multimediale. In pratica, parliamo di un media center, un box che va collegato direttamente al televisore, che consente di accedere a migliaia di contenuti multimediali, sia proposti da Apple, tramite il catalogo iTunes, e sia tramite altre piattaforme, come YouTube, Netflix e Vevo. L’Apple TV, inoltre, integra altre funzionalità molto interessanti, come la possibilità di organizzare e riprodurre le proprie Playlist musicali, accedere al catalogo multimediale del proprio computer e di trasmettere lo schermo di un iPhone o un’iPad direttamente sul proprio televisore. Non manca anche la possibilità di abbonarsi e leggere una vasta gamma di notiziari e quotidiani direttamente dalla propria poltrona.

Fra le novità introdotte nell’ultimo modello quelle più rilevanti riguardano sicuramente l’introduzione dell’App Store, grazie al quale si può accedere a centinaia di applicazioni sviluppate ad hoc e fruire di altrettanti titoli videoludici, e la presenza di un telecomando con superficie touch integrato nella confezione, con il quale si possono controllare in modo più elastico i contenuti sullo schermo.

Requisiti per l’installazione dell’Apple TV

Il primo consiglio per godere a pieno di questa piattaforma multimediale, è quello di possedere di un televisore abbastanza grande, ossia che abbia una diagonale dello schermo almeno superiore ai 40 pollici, inoltre online ci sono diverse offerte tv di questo tipo.

In linea generale, l’Apple TV può essere collegato a qualsiasi televisore che integri almeno un ingresso HDMI. In questo modo, grazie al solo cavo HDMI è possibile trasmettere sia il video che il sonoro sul proprio televisore. Tuttavia, con l’ultimo modello dell’Apple TV, l’azienda californiana ha aggiunto il supporto alle risoluzioni maggiori al FullHD, aggiornando quindi i requisiti del dispositivo. Per accedere all’alta risoluzione, infatti, risulta necessario essere in possesso di un buon televisore, ossia che risulti anch’esso compatibile con gli ultimi standard FullHD e UltraHD, ma non basta.

Nella confezione dell’Apple TV di quarta generazione, infatti, il cavo HDMI non è incluso, ma bisogna acquistarlo separatamente e nel farlo bisogna assicurarsi di acquistare un cavo compatibile con le risoluzioni superiori al FullHD. Inoltre, l’Apple TV integra anche un’uscita audio digitale, che può essere utilizzata in contemporanea con quella HDMI se si dispone di un impianto audio certificato Surround.

Infine, per completare la procedura di attivazione del dispositivo, che andrà fatta tramite telecomando e il proprio account di iTunes, risulta necessario un collegamento ad internet, che può essere stabilito sia tramite il cavo di rete, da inserire nella parte posteriore del dispositivo, e sia tramite connessione wireless (senza fili), configurandola in fase di installazione.

Leave a Response

Dave G.
Appassionato di tecnologia, innovazione, viaggi e lifestyle, viaggiatore instancabile che paragona esperienze vissute all'estero con il nostro "bel paese"
Translate »