Aiuti alle Aziendecomunicato stampaNewsTech

Ecco come la Blockchain può difendere il Made in Italy.

Il tema sarà al centro della Conferenza di Sistema annuale di Confcommercio
A Chia (Cagliari) sono attesi oltre 500 dirigenti dell’associazione

TRASPARENZA, SICUREZZA E TRACCIABILITÀ
COSÌ LA BLOCKCHAIN SI ALLEA CON IL COMMERCIO
PER DIFENDERE IL MADE IN ITALY


L’imprenditore digitale Nunzio Martinello, advisor di Blockchain India, parla il 21 settembre:

«Questa nuova tecnologia può diventare uno strumento utile nella lotta alla contraffazione»

Mentre il dibattito fra governo e imprese si avvita nell’eterno tema delle aperture domenicali, la tecnologia non aspetta i tempi della politica. Il mondo del commercio, che sta affrontando i cambiamenti epocali dettati dall’e-commerce, osserva con attenzione le nuove frontiere tecnologiche, come la Blockchain. Per questo Confcommercio Imprese per l’Italia ha dedicato proprio alle rivoluzioni tecnologiche a venire una parte importante della Conferenza di Sistema 2018, appuntamento annuale che si terrà dal 20 al 22 settembre a Chia (Cagliari), dove sono attesi oltre 500 rappresentanti delle associazioni territoriali di categoria e la dirigenza nazionale di Confcommercio.

Fra i relatori del gruppo di lavoro «Nuove tecnologie a supporto delle imprese», in agenda il 21 settembre, Confcommercio ha invitato Nunzio Martinello, CEO di Noonic, agenzia di consulenza strategica digitale attiva fra Padova, Milano, Londra e Bangalore. Fondata con i due soci Nicola Possagnolo e Sebastiano Favaro nel 2011, a soli 22 anni, Noonic supporta le aziende nel processo di Digital Transformation. Martinello è stato di recente nominato advisor di Blockchain India, la più grande community digitale indiana sul mondo Blockchain. Alla platea dei dirigenti di Confcommercio spiegherà, attraverso alcuni casi di studio, come questa tecnologia inizi ad essere sperimentata nelle catene della logistica su scala globale, e possa diventare un’opportunità da cogliere al volo anche nel commercio.

«Quando si parla di Blockchain, nel senso comune il pensiero va alle criptovalute. Ma queste rappresentano solo una delle tante applicazioni possibili – spiega Nunzio Martinello –. Il punto di forza di questa tecnologia è la capacità di rendere più sicuri, trasparenti e tracciabili le transazioni e i rapporti tra le imprese, e fra queste e i consumatori. L’innovazione non dev’essere subita ma si può volgere a proprio favore. Ad esempio per tutelare l’autenticità del Made in Italy, mostrando nelle vetrine solo prodotti certificati. Se con la Blockchain colleghiamo i prodotti a un registro distribuito di certificazione, possiamo garantire al cliente l’effettiva provenienza territoriale e le modalità di produzione di un bene. Informazioni che racchiudono il vero valore aggiunto del saper fare italiano».

Leave a Response

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.
Translate »