NewsRECENSIONITech

FeiyuTech Summon+, il gimbal che non teme confronti

79views

Per chi ha bisogno di fare video in movimento ma vuole mantenere una buona stabilizzazione, i gimbal sicuramente sono il prodotto più consono per questi tipi di situazioni. Ne esistono di vari tipi sul mercato e di vari prezzi; noi oggi abbiamo avuto modo di testare il Summon+ della nota casa FeiyuTech e possiamo dire che si tratta di un prodotto di ottimo livello. Ma andiamo a vederlo più da vicino.

La FeiyuTech è famosa proprio per la produzione di gimbal motorizzati, infatti nel loro catalogo abbiamo presenti i classici gimbal da abbinare allo smartphone fino a quelli da utilizzare con macchine fotografiche. Il Summon invece diverge da questi in quanto possiede una camera 4k integrata.

La casa madre lo aveva presentato attraverso questo video sul loro canale YouTube. Siamo di fronte ad un gimbal composto da 3 teste rotanti (3 assi) che si muovono fino a 360° per la massima libertà di movimento e variazione della registrazione.

Nella confezione, molto elegante, troverete la confezione con all’interno il gimbal, il cavo USB/micro USB per la ricarica ed il passaggio dei file ed il tappino che copre la fotocamera, già annesso.

Da subito si nota la cura dei dettagli nella costruzione e che siamo di fronte ad un prodotto premium, sono rimasto piacevolmente sorpreso. La struttura del Summon+ è semplice ed elegante, non avrete alcuna difficoltà ad usarlo, anche per mani meno esperte. Nel possedere un DJI Osmo (che ritengo un prodotto eccezionale) mi viene subito all’occhio una piccola differenza di peso, Il Summon+ è leggerissimo (350g contro i 221 del gimbal + 201 della maniglia) ed ha un manico più sottile, anche se meno ergonomico rispetto al DJI.

Come per il suo concorrente la camera montata è fissa, proprio come una action camera già legata con se. Sul manico possiede partendo dall’alto verso il basso:

  • IndicatoreLED
  • Joystick
  • TastoFunzioni
  • Pulsantescattofoto/avviovideo
  • Lateralmente ai controlli troviamo la porta USB

Proprio grazie a questi tasti sarà possibile regolare le funzioni di scatto e di registrazione video, offrendo la possibilità di registrare video con un punto fisso, in modalità Follow e di scattare foto in modalità Timelapse.

A differenza del suo antagonista non possiede alcun supporto per il telefono, la camera possiede un display HD da 2″ touchscreen con sensore Panasonic da 16 MP, che da modo di fare video in 4k a 25 fps. Nella microcamera è presente uno sportellino in cui troveremo uno slot per la MicroSD(fino a 64gb, non inclusa), Porta USB per lettura SD e Interfaccia HDMI. Devo spezzare una lancia proprio in favore del Summon+, perchè grazie proprio alla porta usb sarà facile caricarlo anche con un power bank, cosa che con il DJI Osmo sarebbe impossibile, visto che non è munito di alcuna porta usb. Però è possibile anche sostituire la batteria (22650, 3000mAh), svitando il manico.

La porta usb permette non solo la ricarica, se collegato ad un computer sarà possibile aggiornare il firmware. In questo caso dovrete visitate il sito ufficiale www.feiyu-tech.com per scaricare gli aggiornamenti, che includono il drive per la porta USB e il software per l’aggiornamento del firmware.

Il funzionamento è semplicissimo, per accenderlo dovremo premete a lungo il pulsante di accensione finché non si accenderà una luce verde, per lo spegnimento premere a lungo il medesimo pulsante finché la luce rossa non resterà accesa. Sulla microcamera invece avrete un solo pulsante che servirà per cambiare modalità (passare da foto a video e viceversa) oppure se premuto a lungo, attiverete la modalità Wi-Fi; per disattivarla, eseguite la stessa operazione.

Il tasto funzione sul manico permette la medesima azione ossia di cambiare le modalità di ripresa, mentre per accedere al menu della videocamera dovrete premerlo tre volte.
Il pulsante scatto foto/avvio video se premuto una volta eseguirà lo scatto (IMG_00001.jpg) oppure farà partire la registrazione (MOV_00001.mov) e sempre in modalità video con un secondo click farete terminare la registrazione. Premendo due volte il tasto funzioni attiverete il fill flash, per disattivarlo, premete il tasto altre due volte.
Questi sono i formati video che potete scegliere:

1080P (60fps) / 1080P (30fps) / 720P (120fps) / 720P (60fps) / VGA (240fps) / 4K

(25fps) / 4K (15fps) / 2.7K (30fps) / 1440P (60fps). Formato pre-impostato: 1080P (60fps)

Per chi volesse fare video in Slow Motion, essa è disponibile solo in modalità video per tutti i formati tranne 4K.

Nelle condizioni di scarsa luminosità la microcamera attiverà un piccolo flash LED per compensare tale mancanza, cosa molto utile se pensiamo che tutte le action camera non hanno questa funzione.

Questi sono i formati delle modalità di foto che potete scegliere:

16M (4508*3456) / 12M (4000*3000) / 8M (3264*2448) / 5M (2592*1944) Formato pre-impostato: 16M (4508*3456)

Una delle cose più belle da provare con il Summon+ è sicuramente la modalità Timelapse (Scatta automaticamente a intervalli di tempo preimpostati; l’asse di panning o di tilting si muove secondo la velocità impostata. Alla fine della sequenza di foto, Summon+ elaborerà in autonomia un video), andando a personalizzare il tempo di scatto tra due fotogrammi consecutivi e la velocità di rotazione del panning per la fotografia, e quella Panorama (In modalità video, premete tre volte il pulsante scatta foto/avvio video per avviare la modalità panorama. La videocamera ruoterà automaticamente. Angolo della ripresa: 360° Tempo della ripresa: 8s)

Oltre ad usare solamente la microcamera ed il suo schermo, potete collegarvi con la connessione Wi-Fi e la comoda app per Android e iOS (FY cam, che a mio avviso ha bisogno di parecchi miglioramenti ancora) per gestire il Summon+ attraverso smartphone, oltre alla possibilità di condividere con i vari social network.

Per maggiori informazioni potete consultare la guida in italiano, unico neo infatti è il menù della microcamera in: Inglese, Cinese semplificato, Cinese tradizionale, Tedesco, Francese, Spagnolo, Portoghese; si purtroppo manca proprio l’italiano ma grazie alla guida e le impostazioni semplici non avrete problemi, fidatevi.

Uno dei grandi problemi del DJI Osmo rimane il forte rumore del motorino che inficia non poco l’audio durante i video, il Summon+ a confronto rimane silenziosissimo e la camera è composta da ben due microfoni, per un audio chiaro e preciso; per i più esigenti forse qualche miglioramento Feiyu dovrà farlo, ma credo che sia gia di buon livello.

Il Summon+ è disponibile al prezzo di 189€ su Amazon, direi anche decisamente più economico rispetto al concorrente DJI, oppure a 219$ sullo shop ufficiale FeiyuTech a questo link troverete anche vari accessori.

Federico Grigolini
Blogger, podcaster e aspirante sviluppatore. Insomma di tutto e un po'. Il mio amore è la tecnologia e quello che ci gira intorno. La mia citazione : verso la tecnologia ed oltre.... ;)
Translate »