LinuxNews

Flatpak il formato universale per le App Linux

Chi di voi usa Linux sa che la scelta di una distribuzione nel mare di quelle disponibili, implica una scelta, sposare anche la tipologia di package con i pro e contro che ne conseguono. Negli ultimi giorni, si è però riparlato di Flatpak, una tecnologia già conosciuta che permette non solo di creare una sandbox per eseguire applicazioni non sicure, ma da oggi di essere un nuovo framework per l’ambiente GNU/LINUX. In pratica le applicazioni saranno meno dipendenti dalla distribuzione su cui gireranno. Nessun problema anche per quanto riguarda i tempi di esecuzione.

Cosa cambia quindi?

Per prima cosa c’è l’obiettivo di rendere le applicazioni Linux più universali.

Gli sviluppatori di applicazioni su Linux hanno sempre avuto un grosso gap, il rapporto diretto con i propri utenti. Con Flatpak puntiamo a cambiare la situazione, per cui gli sviluppatori sapranno esattamente ciò che i loro utenti stanno ottenendo.

ha detto Alexander Larsson, lo sviluppatore a capo del progetto Flatpak.

Molti progetti importanti utilizzano già Flatpak, (LibreOffice, GIMP,Inkscape,MyPaint) e molte altre arriveranno presto. Per maggiori informazioni, vi invitiamo a consultare la pagina ufficiale del progetto.

Leave a Response

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.
Translate »