comunicato stampaNewsTech

Le migliori app per sopravvivere al meglio durante l’inverno

134views

L’inverno è un periodo inteso tra lavoro, feste, amici, parenti, montagna, viaggi e scii. Non resta perciò che lasciarsi aiutare da una selezione di app per sopravvivere durante il periodo. Babbel (www.babbel.com), la app leader nell’apprendimento delle lingue, ne ha raccolto una selezione.

Comunicato Stampa

Per combattere lo stress con Colorfy 

Se si sta vivendo un periodo particolarmente stressante a cavallo tra impegni di lavoro e festività c’è un app che può servire per rilassarsi. C’è chi riesce a calmare i nervi ascoltando musica, chi cucinando,  chi leggendo, chi guardando la tv, chi andando in palestra, o chi addirittura colorando. E se sono sempre più frequenti i libri antistress con le pagine da colorare, a volte non è comodo portarsi in giro i colori. Per questo una valida alternativa può essere Colorfy che offre una selezione di disegni suddivisi per categorie, da quelle floreali agli animali, fino ai quadri famosi. E’ possibile anche condividere i risultati del proprio lavoro direttamente sui social.

Per non rimanere senza parole ed essere sul pezzo anche in merito agli sport invernali con Babbel

Prima di partire per un week end, soprattutto se si va all’estero, o se ci si vuole concedere una settimana bianca e se si prevede di conoscere persone da un altro Paese, è utile fare pratica con la lingua parlata per non rimanere senza parole. Babbel, disponibile sia sul web che su dispositivi mobile iOS e Android, con lezioni brevi e semplici, dedica alcuni dei suoi corsi anche ai vocaboli e alle frasi utili proprio in merito ai “Winter sport” o ai “Dialoghi di viaggio”. Non resta quindi che portarsi avanti per acquisire conoscenze e familiarità con la lingua: in questo modo ci si potrà sentire sicuri una volta che si interagirà con qualcuno in pista o ad esempio in pausa dallo sci. E così, l’idea delle primi nevi e sciate inizierà a farsi sempre più vicino!


Per viaggiare sulle quattro ruote senza impazzire cercando un parcheggio con Parkopedia

Se si ama viaggiare in macchina non c’è cosa peggiore che perdere tempo alla ricerca di un parcheggio, girando a vuoto o finendo per affidarsi a costosi parcheggi. Per questo si può trovare un valido aiuto in Parkopedia, una vera enciclopedia del parcheggio. Con questa app ci si può affidare, infatti, a un database di migliaia di posti auto in diversi Paesi, potendo scegliere la tipologia del parcheggio, controllare i costi, gli orari e anche le disponibilità di posti.

Per  vivere al meglio la montagna sugli sci con Snowit e SkiInfo Neve e Sci

Per tutti quelli che amano la montagna e la neve, meglio non farsi cogliere impreparati. Snowit per esempio è dedicata agli amanti dello sci e dello snowboard, per calcolare prestazioni, calorie bruciate, distanze e tutto quello che c’è da misurare durante una discesa.
L’app permette anche di comprare gli skipass in alcuni comprensori italiani e di sfidare altre persone in particolari giochi a distanza, anche con premi e missioni particolari e divertenti.

Una carta vincente in più potrebbe essere anche SkiInfo Neve e Sci che permette di conoscere in ogni momento le condizioni della neve delle stazioni sciistiche in tutto il mondo tra cui le top italiane Cortina d’Ampezzo, Livigno, Val Gardena, Cervinia e altre.
Si possono anche scrivere recensioni e leggere quelle degli altri, rilevare la posizione GPS, leggere i bollettini neve ufficiali, sapere i prezzi degli impianti, vedere le webcam in diretta, quanta neve c’è in cm, mappe dei comprensori e tante altre statistiche.

Per essere fuori porta senza pensieri con Trova la mia Medicina

Durante i momenti di pianificazione delle partenze non sempre ci si ricorda di preparare un kit di medicinali di base, forse anche perché ci si augura sempre di non averne bisogno. Soprattutto se la destinazione in programma è fuori Italia, quando anche un semplice mal di gola potrebbe turbare se non si ha idea di quale farmaco chiedere al farmacista, con Trova la mia Medicina si può avere a disposizione l’equivalente del farmaco in un altro Paese.

Per non lasciare a secco gli invitati con My Cocktail Bar

Il mese di Dicembre e il periodo di Natale può considerarsi uno dei momenti dell’anno con la più alta concentrazione di feste, sia che ci si partecipi solamente sia che le si organizzi. Quello che però rimane una certezza è che a una festa di tutto rispetto non possono mancare dei buoni cocktail da sorseggiare in compagnia. Con My Cocktail Bar se si hanno degli alcolici, qualche bevanda e della frutta e ci si sta chiedendo che cosa si possa bere, è facile avere un aiuto immediato. Basta selezionare gli ingredienti per avere a disposizione una lista di cocktail da realizzare e relativa procedura. L’app è in inglese, ma con un po’ di pratica basta poco per imparare i trucchi dell’arte dei barman. Nel caso in cui si preferisca un app in italiano un’alternativa potrebbe essere Cocktail Flow.

Per i palati più esigenti e per scegliere il vino più adatto con Plonk

Dicembre è anche il periodo degli apertivi aziendali. Ma come scegliere il vino migliore quando si è con i colleghi? Questa app inizia a indagare i gusti dell’utente facendo selezionare le tipologie di uva che piacciono di più e gli aromi preferiti così da poter suggerire i vini giusti. Su Plonk si possono anche scoprire tante informazioni sulle uve, ma soprattutto – strumento utilissimo – si può ascoltare la giusta pronuncia dei nomi di vini, così da risparmiarsi figuracce nel caso di colleghi internazionali.

Per avere spunti in merito ai regali di Natale o riciclare quello che non piace con Schpock

L’inverno e le sue festività portano con sé anche tanti regali, sia che li si debba fare o anche solo ricevere. A volte però può capitare di avere a che fare con un regalo poco gradito, o un vestito della taglia sbagliata, o di non avere l’idea giusta. Oppure in altri casi la necessità può essere solo quella di ottenere spazio per il nuovo e liberare l’armadio da tutti quegli accessori di cui si è stufi, ma che potrebbero incontrare i gusti di altri. Con Schopock si può vendere e comprare oggetti considerato che non è solo una piattaforma da usare per riciclare un regalo, ma anche un marketplace per cercare lo spunto giusto per i propri amici.

Per avere la scarpa più cool anche in un periodo freddo con Stylect

Scarpe, scarpe e ancora scarpe? Se d’inverno non si sa mai cosa scegliere con questa app dedicata all’accessorio preferito da tutte le donne, ma non solo, si potranno scoprire le novità di tutti i brand più famosi così come le nuove collezioni. E se siete ossessionati, ma attenti anche al portafoglio? Niente paura, l’app segnala anche sconti e promozioni.

Babbel

Babbel è la app che insegna a parlare una nuova lingua nel minor tempo possibile. Nell’apprendimento di una nuova lingua, infatti, niente è più gratificante che poterla usare fin dall’inizio. Il 73% degli utenti intervistati si sente in grado di sostenere una semplice conversazione dopo meno di 5 ore di studio con Babbel.

Attualmente utilizzata da più di un milione di abbonati alla versione premium, Babbel permette di imparare 14 lingue a partire da 7 diverse lingue di visualizzazione ed è disponibile sia sul web che su dispositivi mobili iOS e Android. Le lezioni, brevi e compatte, si integrano perfettamente agli impegni della vita quotidiana, grazie anche  alla loro suddivisione in temi utili, come ad esempio presentarsi, ordinare al ristorante o preparare un viaggio.

Il metodo Babbel aiuta a restare motivati per raggiungere i propri obiettivi: gli utenti utilizzano la app in media per più di un anno. I contenuti sono creati da un team di professionisti del settore quali esperti in didattica, linguisti ed insegnanti, e sono sviluppati in maniera specifica per ciascuna combinazione di lingue e per ogni livello di difficoltà.

Babbel è stata fondata nel 2007. Nelle sedi di Berlino e New York,  l’azienda impiega un team di oltre 450 collaboratori provenienti da 39 nazioni diverse. Babbel offre un modello di abbonamento trasparente e libero da pubblicità, il cui obiettivo consiste nel far esprimere i propri utenti il prima possibile in una nuova lingua. Nel 2016 Babbel è stata nominata da Fast Company come l’azienda più innovativa nel campo dell’istruzione.

 

Leave a Response

Federico Grigolini
Giurista di professione ed amante Apple per passione. La tecnologia mi affascina ed anche nel mio lavoro non posso farne a meno, provare e recensire i prodotti è il mio toccasana.
Translate »