NewsRecensioniTech

Moshi i suoi caricatori Wireless e non solo

Quest’anno Moshi ha presentato parecchi prodotti, oggi vi presentiamo i modelli Q, in particolare si tratta del Porto Q 5K ed il Symbus Q.

Questi due prodotti sono molto interessanti, infatti posseggono in comune una caratteristica, quella della carica wireless, ma ognuno si differenzia per altri elementi importanti, andiamoli a vedere più da vicino.

Partiamo dal Moshi Porto Q, un ottimo compagno di viaggio ed, oserei dire, una delle migliori power bank multiuso fino adesso che ho provato.

Solitamente si tende a comprare un power bank a basso costo che ovviamente va di pari passo con la scarsa qualità; ecco in questo caso Moshi si posiziona su un gradino decisamente premium proponendo il suo Porto Q elegante, con materiali ottimi, che vi farà cambiare idea.

Il primo tratto premium si nota dal rivestimento, su un lato, con un tessuto grigio (cosi da non graffiare il retro dello smartphone) soft touch, un pò in stile Google Home Mini. Sempre sul solito lato si trova anche un anello di gomma ed il logo Moshi, che da modo al nostro smartphone di rimanere stabile.

Nella parte anteriore troviamo un piccolo LED (lampeggia se ci sono sopra al Pad oggetti come monete ad esempio) che si attiva quando il Porto Q sta caricando un dispositivo (sia esso in Wireless o con cavo), mentre nella parte opposta troviamo due porte, quella Type-C di ricarica del dispositivo stesso (cavo presente in confezione) e una porta USB-A che permette di ricaricare un altro dispositivo contemporaneamente; la porta USB-A è in grado di caricare fino a 12 W di velocità. Lateralmente troviamo il pulsante di accensione con quattro LED per indicare lo stato di carica. Nella parte inferiore si compone di plastica liscia e nel complesso ha un peso davvero irrisorio considerando i suoi 5000mAh.

È possibile caricare lo smartphone poggiandolo sulla piastra Qi durante la ricarica con l’alimentatore USB-C, quindi funziona in modo efficace come un caricatore wireless e allo stesso tempo viene ricaricato.

Moshi da sempre realizza accessori di grande qualità, tale da giustificare il costo di questo Porto Q 5K. Avremo con noi un prodotto, oltre che utile, anche elegante e premium.

Per il costo a cui è proposto, al costo di 84,95€ direttamente sul sito ufficiale, è vero che si possono trovare in giro power bank con maggior quantità di ricarica, e sicuramente gli utenti medi punterebbero di più su di essi. Però non c’è dubbio che questo power bank possegga un look ed una qualità che pochi hanno, oltre ad avere con voi un caricatore wireless leggerissimo che non vi darà alcun fastidio.

Pro

  • Qualità costruttiva
  • Doppia carica, cavo e wireless

Contro

  • Prezzo
  • Carica lenta

L’altro prodotto è il Symbus Q, in questo caso parliamo di un Dock USB-C con caricatore Wireless.

Anche Apple ha ceduto in questi anni e ha munito i suoi Macbook della porta USB-C, pure sui nuovi Ipad Pro. Questa porta ha aperto uno scenario di vari dongle/ Hub di cui ora non possiamo fare a meno, visto che molte porte sono sparite per utilizzare come uscita solo la USB-C.

Con Moshi Symbus Q potete sfruttare la vostra porta USB-C sostituendo tutti i dongle, infatti sarà in grado di caricare il vostro dispositivo e caricare il telefono in modalità wireless contemporaneamente, ma non solo!

Per quanto riguarda il design anche in questo caso, come tutta la linea Q, è caratterizzato da un tessuto grigio, che nel Symbus Q copre il lato superiore del dispositivo ed è ricoperto da un motivo di materiale in gomma, cosi da non far muovere lo smartphone.

Il dock è composto in alluminio spazzolato; nella parte anteriore del dock troviamo l’indicatore “Smart LED”, per capire se i propri dispositivi sono caricati o attivamente in carica.

A fianco sono presenti due porte USB-A standard, una di esse può essere utilizzata per caricare un dispositivo. Questi sono entrambi compatibili con USB 3.1.

Al lato opposto sono presenti una porta Gigabit Ethernet ed una porta HDMI che può emettere fino a un segnale 4K / 30FPS, 1080p / 60FPS.

La caratteristica più interessante del Symbus rimane la possibilità di ricaricare più dispositivi, cosa che invece sarebbe possibile con una serie di prodotti aggiuntivi; grazie a Moshi Symbus Q avremo una sola fonte di alimentazione, per caricare il nostro laptop (connessione USB-C che fornisce fino a 60W di potenza), lo smartphone (in wireless) ed altri dispositivi con la già citata USB-A.

Il pad di ricarica wireless fornisce fino a 10W di ricarica a qualsiasi dispositivo compatibile con Qi (10 W per dispositivi Samsung e dispositivi da 7,5 W iPhone).

La prima criticità si evince quando, caricando contemporaneamente sia il laptop che lo smartphone, ci sarà una forte emanazione di calore, nonostante il telaio in alluminio provi a dissipare.

Il Symbus Q di Moshi è sicuramente un prodotto utile che ed allo stesso tempo bello a vedersi; è vero che non è completo a livello di porte però dove ha una carenza si aggiunge la ricarica wireless che quasi tutti i dock presenti nel mercato non hanno.

Il fatto di possedere questa caratteristica fa si che il costo si alzi è come ripetuto per il suo fratello power bank, anche in questo caso dobbiamo considerare l’ottima qualità costruttiva e di materiali ponendolo su di un piano premium.

Trovate il Symbus Q sul sito ufficiale al costo di 169,95€

Pro

  • Carica wireless
  • Qualità dei materiali
  • Più prodotti in uno

Contro

  • Costo
  • Non presente porta per schede SD

Leave a Response

Federico Grigolini
Giurista di professione ed amante Apple per passione. La tecnologia mi affascina ed anche nel mio lavoro non posso farne a meno, provare e recensire i prodotti è il mio toccasana.
Translate »