NewsScienzaTech

Obamacare e la bufala del chip sottopelle!

La notizia che sta circolando è di quelle che ciclicamente si guadagnano l’attenzione di siti cospirazionisti e catene di mail. Questa volta il fattore scatenante potrebbe essere stato il nuovo giuramento di Obama alla Casa Bianca, perché, secondo la news in questione, il 23 marzo 2013 dovrebbe entrare in azione il piano del Presidente per l’impianto di chip sottopelle in tutti i cittadini statunitensi, nell’ambito del programma Obamacare. A parlarne sono diversi portali di controinformazione in tutto il mondo, ma a smentire la bufala ci hanno già pensato, tra gli altri, l’americano Snopes.com e l’italiano Paolo Attivissimo. Ma cosa dovremmo aspettarci da un’eventuale operazione di microchippazione di massa? Le reazioni della Rete alla campagna del 2013 dipingono scenari che pescano a piene mani dall’immagine del Grande Fratello fino alla Bibbia, passando per teorie complottistiche di ogni tipo.

chip-spttopelleL’idea di avere un corpo estraneo di silicio impiantato da qualche parte sottopelle risveglia timori tutto sommato comprensibili, che secondo questo filone si concretizzano con la tracciabilità completa di posizione e abitudini di ciascun essere umano, di qui a pochi anni. Secondo questo piano occulto, l’utilizzo a scopo sanitario del chip sarebbe destinato ad ampliarsi, per diventare un mezzo per pagamenti più veloci e infine addirittura un dispositivo per il controllo mentale. E a proposito di controllo mentale, i più fantasiosi collegano la macchinazione alle teorie sul Nuovo Ordine Mondiale, secondo le quali esisterebbe un gruppo segreto di individui (ma si parla anche di umanoidi rettiliani) che controlla l’umanità, composto da personalità fra le più influenti a livello mondiale.

Leave a Response

Fabio Guerrera
Appassionato di sicurezza informatica, analisi dati, ruolo gestionale e di acquisizione clienti tramite il Digital Marketing e Growth Marketing! Il classico cacciatore di teste!
Translate »