NewsTech

Un piccolo Server virtualizzato by Mc John S.r.l.

Oggi vogliamo presentarvi una importante realtà del sud Italia operante nel settore informatico, stiamo parlando della Mc John Srl. In questo articolo si parla di virtualizzazione, vediamo il nostro amico Giovanni cosa ha realizzato.

——————————————————————————————————————————————————————
In questo articolo viene descritto come abbiamo trasformato una rete esistente di tipo Workgroup Windows in una rete di tipo Server-Client utilizzando openSUSE 13.2.

La rete esistente era costituita semplicemente da 5 postazioni con Windows XP Pro di cui una con una cartella condivisa che contiene i documenti da condividere con le altre postazioni.

Questa la piccola infrastruttura informatica di un piccolo Studio Legale che si è visto costretto a rinnovare la rete per adottare una soluzione software per gestire il Processo Telematico.

Il software per la gestione del Processo Telematico proposto allo Studio Legale richiedeva l’uso di un server dedicato con Windows Server e la migrazione di tutte le postazioni a Windows 7 Pro.

Questo Studio Legale ci ha contattato per un preventivo di spesa e noi, oltre a proporre ciò che veniva richiesto, abbiamo proposto una soluzione alternativa tecnicamente più versatile ed economicamente più vantaggiosa.

Al posto di un server dedicato con Windows Server, abbiamo proposto un server HP ProLiant MicroServer in cui è stata virtualizzata una postazione Windows 7 Pro con le mansioni di Server per il software per la gestione del Processo Telematico.

In pratica la ns. proposta consiste in:

  • Un micro server HP ProLiant MicroServer con openSUSE 13.2 e VirtualBox
  • Aggiornamento di tutte le postazioni di lavoro per utilizzare openSUSE 13.2 e Windows 7 Pro con VirtualBox, ogni postazione è stata incrementata la memoria ram ed aggiunto un disco SSD, il disco HD esistente è stato riutilizzato per il Backup locale.

Il costo totale di questa soluzione è stato circa la metà rispetto alla soluzione con il server dedicato con Windows Server.

Il piccolo Server HP ProLiant MicroServer

Nella foto il piccolo Server HP ProLiant MicroServer con due gruppi di continuità, uno dedicato al Server e l’altro per tutti gli altri apparati contenuti nell’armadio modulare.

Modem Fax e Router ADSL

In questa foto si nota il Modem Digicom utilizzato per gestire i Fax, il Router Linksys ADSL e il centralino telefonico URMET.

Lo Switch Cisco

In questa foto si nota lo Switch utilizzato, un 24 porte Gigabit della Cisco.

Interno del piccolo Server

In questa foto l’interno del piccolo Server HP ProLiant MicroServer, in particolare si nota il disco SSD da 120 GB che contiene il sistema operativo openSUSE 13.2, VirtualBox e una macchina virtuale con Windows 7 Pro, due dischi HD in configurazione RAID-1 che contengono i documenti condivisi e un disco HD da 500 GB che contiene le copie di backup.

il pannello di controllo del Server

Il piccolo Server è molto semplice da gestire grazie a Yast un programma di gestione del sistema che aiuta a configurare e gestire praticamente tutto sul Server.

Windows Virtualizzato sul Server

Ecco come si presenta la postazione Windows 7 Pro virtualizzata nel piccolo Server HP ProLiant MicroServer.
Questa postazione è accessibile tramite una connessione RDP sia dall’interno che dall’esterno della rete per consentire la manutenzione e gli aggiornamenti del Software per la Gestione del Processo Telematico.

Il Backup del Server

Il Backup del macchina virtuale del Server e dei suoi dati viene eseguita in automatico da una procedura gestita da uno schedulatore.
Per ogni giorno lavorativo viene eseguita un backup completo della macchina virtuale e del disco dati, mentre ogni giorno viene controllato se esiste un backup in archivio più vecchio di un mese viene cancellato.

Nelle postazioni di lavoro il Backup viene eseguito in modo analogo ma sul disco locale.

Con questa nuova rete viene utilizzato GNU/Linux per il lavoro quotidiano, quindi:

  • utilizzare la posta elettronica, anche le PEC, con Thunderbird
  • navigare in tutta sicurezza su internet per trovare informazioni utili
  • redigere documenti con LibreOffice
  • trovare facilmente e rapidamente i documenti in archivio con Recoll, un potentissimo motore di ricerca locale, cercando per parole contenute

mentre Windows viene utilizzato solo per il software per la gestione del Processo Telematico.

Come si vede questa nuova infrastruttura informatica è molto versatile e semplice da gestire, inoltre, ulteriore aspetto tecnico non trascurabile, molto più sicura.

Negli ultimi mesi si è intensificata la proliferazione di minacce informatiche in grado di arrecare enormi danni.

Il virus che fa più danni è CryptoLocker ed è un virus di tipo trojan che fa parte della famiglia dei Ransomware, virus che infettano i sistemi Windows e agiscono criptando i dati della vittima, e poi richiedono un pagamento per la decriptazione.

Lavorando con openSUSE 13.2, una delle tanti distribuzioni GNU/Linux disponibili, si è praticamente immuni da virus del genere, infatti questo cliente mi conferma che nonostante riceve spesso email con allegati con virus del genere, non ha avuto attacchi del genere.

Anche se, nella peggiore delle ipotesi, ci fosse un’attacco del genere, il sistema può essere ripristinato in pochi minuti, sia le singole postazioni di lavoro, sia il Server, possono essere ripristinati allo stato dell’ultimo Backup effettuato.

Tutte le principale funzioni del Server sono state automatizzate:

  • Se si accende il Server si avvia anche la macchina virtuale Windows 7 Pro.
  • Se si spegne il Server si spegne prima la macchina virtuale Windows 7 Pro in automatico.
  • Quando viene eseguito il Backup viene prima spenta la macchina virtuale Windows 7 Pro in automatico e poi, al termine del Backup, viene avviata.
  • I Fax ricevuti sono inviati ad una casella email
  • Il Server e le postazioni di remoto sono gestibili da remoto in tele assistenza

Concludendo possiamo riassumere i principali vantaggi di questo tipo di rete:

  • Una macchina virtuale è circa il 25% più veloce di una macchina reale a parità di hardware utilizzato.
  • Una macchina virtuale può essere spostata facilmente in un’altra macchina reale se questa non funziona, senza installare nessun driver.
  • Una macchina virtuale può essere copiata facilmente per il backup in un tempo minore rispetto ad un’analoga macchina reale.
  • Navigare su internet da GNU/Linux è più veloce e sicuro rispetto ad utilizzare gli stessi browser da Windows.
  • Gestire la posta elettronica da GNU/Linux è più semplice e sicuro rispetto a Windows.
  • GNU/Linux è immune da virus e malware, quindi non è necessario acquistare programmi antivirus.
  • GNU/Linux ha una vasta disponibilità di programmi e di qualità nettamente superiore ai programmi commerciali: ad esempio, LibreOffice è nettamente superiore ad Office Microsoft.

Per maggiori informazioni, potete contattare l’azienda tramite questo link.

Leave a Response

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.
Translate »